Home Eventi Sanremo 2016 la finale: i look di Francesca Michielin, Noemi e Arisa...

Sanremo 2016 la finale: i look di Francesca Michielin, Noemi e Arisa (FOTO)

520
3

Appena “aperto il sipario” del palco dell’Ariston per l’ultima volta, la cantante che ha dato il via alle danze è la giovane Francesca Michielin esibendosi per prima col suo cavallo di battaglia “Nessun grado di separazione”. Anche per la finale di questa sera la giovane cantante si è presentata con indosso una graziosissima jumpsuit di “Au Jour le Jour”, color prudre, decorata da tre diamanti luminosi lungo il braccio destro e con una vertiginosa scollatura sia sul seno che lungo la schiena, unicamente semplice ed elegante, come del resto anche le precedenti. Anche questa sera molto apprezzata da Enzo Miccio che le dedica un commento: “Una jumpsuit color prudre che trasforma la giovane Francesca Michielin in una donna glam e sensuale. Che potere queste tutine”.

E che dire della cantante dai capelli rossi Noemi? La ragazza che fa impazzire il pubblico con la sua voce graffiata e i suoi look che non sono passati inosservati. Infatti Noemi incanta anche durante la finale con il suo stile, in un abito lungo bordeaux firmato ovviamente Biancamaria Gervaso, simile a quelli indossati nelle scorse puntate, morbido e con un una profonda scollatura sul seno, ornato semplicemente da un grosso cinturone nero che le cinge la vita.

Infine è il turno di Arisa, una vera e propria veterana del palco dell’Ariston, non solo come partecipante ma anche come co-conduttrice della 65esima edizione al fianco del “padrone di casa” Carlo Conti. Ma anche quest’anno gareggia per cercare di rubare il premio del festival di Sanremo un’altra volta con la sua canzone “Guardando il cielo”. Il look che ha in serbo per l’ ultima serata è molto semplice, un camicione nero caratterizzato da una classica fantasia a righe luminose e da un cinturone nero. L’abito piace a Enzo Miccio ma non lo convince a pieno, ha infatti commentato: “Questo outfit era donante, se Sanremo fosse durato ancora un mesetto avrebbe indossato anche un abito adatto.”