Home Stili e Tendenze “Non ho nulla da mettermi”, il dubbio oggi ha una soluzione (FOTO)

“Non ho nulla da mettermi”, il dubbio oggi ha una soluzione (FOTO)

364
0
credit photo: skuola.net

Mattina ore 8:00, il lavoro chiama, contemplazione dinanzi all’armadio. Sera ore 21:00, gli amici suonano il clacson, contemplazione dinanzi all’armadio, solita storia. ”Non ho nulla da mattermi”, ecco la frase detta e ridetta mattina, pomeriggio e sera, dubbio che ha tormentato e continua imperterrito a tormentare intere generazioni di donne. La scienza ha deciso di studiare questo caso ”patologico”, cercando di dare una soluzione che, si spera, riuscirà a calmare i bollenti spiriti ogni qual volta bisogna vestirsi.

Un buon armadio è costituito da capi versatili, indossati nelle varie occasioni: giornata lavorativa, per fare delle commissioni, o semplicemente per una serata in compagnia degli amici. Bene, abbandonate questa abitudine. Un nuovo studio, redatto da Eureka Alert, fonte globale di notizie scientifiche, apparso sul Journal of Market Research, ha rivelato che maggiore è la varietà di situazioni in cui si sfoggia lo stesso vestito, più sarà alta la probabilità che quest’ultimo finisca per stancarvi. Semplificando il concetto, se si acquista un pantalone pensando che verrà indossato esclusivamente per un evento e poi dopo averlo osservato un paio di giorni, ore, decidete di metterlo prima in ufficio, poi per un caffè con gli amici e così via, finirà al 100% tra la roba di tutti i giorni e perderà la sua unicità.

Il segreto è smettere di optare per lo stesso capo nelle svariate occasioni, solo perché ci fa impazzire e snellisce al massimo la silohuette, eliminando i difetti più odiati e indossarlo solo per un certo tipo di occorenza. Questo porterà a rivalutare il proprio guardaroba e avere un’idea più chiara di ciò che si ha e non si ha. Suona un po’ strano, ma se davvero ci si ferma a pensare, probabilmente i vostri occhi vedranno una serie di pezzi uguali tra loro, che non aveva senso acquistare. ”No questo jeans è un po’ largo, forse è meglio comprarne uno più stretch…questo top mi ingrassa, meglio uno più aderente..”, soliti dubbi ”esistenziali”. Si tratta semplicemente di false convinzioni che portano ad essere irrazionali e a far credere che il capo appena comprato, identico a quello che già si possiede, è fantastico, ma secondo questo studio l’unica cosa davvero speciale sui capi è il modo in cui vengono utilizzati.

Quindi un guardaroba organizzato porterà ad avere un’idea più chiara di cosa indossare ogni qual volta vi si presenterà un’occasione. Punto da definire: ciò non significa avere la cabina armadio di Paris Hilton, stracolma di vestiti di ogni genere, ma semplicemente bisogna dividere l’armadio, accostando capi del medesimo stile tra loro e dividendo quelli estranei ad esso. In bocca al lupo donne.

Ecco l’ironia della fumettista Silvia Ziche applicata al caso analizzato

1504355_592279930845036_1863499504_o