Home Stili e Tendenze 11 errori da non commettere durante uno stage (FOTO)

11 errori da non commettere durante uno stage (FOTO)

785
0
credit photo: fanpop

L’abito non fa il monaco? Sbagliatissimo, soprattutto se si tratta di uno stage lavorativo. Oggigiorno le aziende offrono la possibilità di fare stage per inglobare nel loro team nuove leve e soprattutto per formarle; sono opportunità che non vanno sprecate e di certo non sarà la superficialità a farlo. Blog di moda ha individuato gli errori più comuni:

Indice

La cinghia sporgente del reggiseno

credit photo: cosmopolitan
credit photo: cosmopolitan

Uno degli errori più comuni, soprattutto in estate, è la cinghia del reggiseno che fuoriesce dalle canotte. Prima di uscire occorre guardarsi bene allo specchio e se il reggiseno dovesse fuoriuscire o si dovesse intravedere, è buona idea cambiare maglia, non tanto per se stesse, ma per ciò che potrebbe pensare il proprio datore di lavoro.

Le trasparenze

Indossare camicette, magliette o maglioncini con qualche trasparenza non è proprio adeguato in ufficio, l’importante non è attirare l’attenzione del personale sulla silhouette, ma sulle proprie capacità lavorative. In più si consiglia di optare per le camicette lisce e non molto increspate in modo da creare un effetto ordinato e serio.

Usare il bagno come camerino

credit photo: cosmopolitan
credit photo: cosmopolitan

Altro errore comune è quello di usare il bagno dell’ufficio come un camerino, molte donne dopo aver finito il proprio lavoro corrono li a cambiarsi per la serata; attenzione non è cosa buona e giusta. Quando si esce da lavoro bisognerebbe avere la stessa tenuta e non sfoggiare il completino paiettato di circostanza. Dov’è la serietà? Si consiglia di scegliere l’outfit della serata prima di andare a lavoro e magari anzichè fissare la cena per le 21:00 in punto, la si fissa per le 21:30 in modo da potersi organizzare al meglio.

Avere i capelli unti e non a causa della pioggia

Come può il direttore d’ufficio fidarsi e assegnare mansioni importanti a dipendenti che sono troppo impegnate a svegliarsi tardi, piuttosto che a lavarsi i capelli prima di andare a lavoro?
Non esistono giustificazioni del tipo: la nuvola di fantozzi mi ha colpita, non è suonata la sveglia, dolori addominali, cefalee; è consigliabile svegliarsi un po’ prima o meglio lavarli la sera prima in modo da potersi sistemare e andare a lavoro in maniera dignitosa o saperli cammuffare bene magari con uno chignon o coda.

Le minigonne

Mai indossare minigonne a lavoro, magari longuette, gonne al ginocchio; bisogna tener conto del fatto che possano cadere dei documenti importanti e non sarà di certo la minigonna ad impedire la raccolta.

Usare scarpe alte e non saperci camminare

Mai indossare tacchi alti se non si è in grado di portarli, al datore di lavoro non interessa il modello di scarpa, ma la postura, la figura di chi sarà la propria collaboratrice. Per la primavera i grandi marchi hanno optato per il tacco medio, ottimo per le lunghe passeggiate e soprattutto per chi lavora quasi tutto il giorno.

Litigare con i trucchi e trasformarsi in Drag Queen

In ufficio il trucco deve essere naturale e delicato, sarebbe meglio optare per il semplice fondotinta, passata di lucido o rossetto leggero, mascara e un filo di matita. Si tratta di un posto di lavoro e non di uno spettacolo di drag queen.

Litigare con l’armadio

Prima di andare a lavoro è bene guardarsi allo specchio per non cadere nell’assurdo, la reazione del personale potrebbe essere plateale e il datore di lavoro potrebbe infuriarsi sul serio. Un outfit semplice ma dal tocco glamour non fa mai male, i capi stravaganti o troppo studiati sarebbe meglio conservarli per il week end. Il consiglio è scegliere l’outfit la sera prima in modo da non sceglierlo correndo e magari con il cornetto tra i denti.

Confondere una giornata lavorativa con una serata in discoteca

credit photo: cosmopolitan
credit photo: cosmopolitan

No alle bretelline, no al filo di pancia e cosce scoperte. Si invece alle magliette a manica corta, alle camicette e ai jilet coprenti sulle canotte.

Essere altezzose

Come ben si sa, qualunque stagista è l’ultimo anello della catena e, come tale, deve fare la sua gavetta. Mai essere altezzose, ne tanto meno rifiutarsi di fare le commissioni o svolgere le mansioni più stancanti, in quanto per essere assunti non serve solo avere un bel sorriso, ma anche tanto sacrificio e dedizione. Consiglio: indossare indumenti comodi e abolire il tacco 12, potrebbe causare gravi danni ai piedi.

Vestirsi da teenager

Niente stampe eccentriche, nessun gioiello a forma di cuore o stella ne tanto meno calze strappate o altro.
Consiglio: indossare abiti professionali e femminili da vera donna in carriera che sa il fatto suo.

Vestirsi in modo appropriato è una propria responsabilità, una grande responsabilità che, alle volte, può costare la perdita di grandi occasioni.