Home Rubriche Glamourzone Rachel Zoe, la storia della stylist più influente d’America (GLAMOURZONE)

Rachel Zoe, la storia della stylist più influente d’America (GLAMOURZONE)

729
0

Rachel Zoe. Ad alcuni questo nome non dice nulla ad altri invece brillano gli occhi e tremano le mani al solo sentirlo nominare. Su Google, una volta digitato il suo nome, appaiono foto di una bella donna, bionda, esile e fin troppo magra, vestita con grande stile. Allora chi non la conosce potrebbe pensare che questa sia la tipica patita della moda ossessionata dalla perfetta forma fisica, ma quello che non sa è che Rachel Zoe è una leggenda nel suo campo e un personaggio di massima influenza nel mondo della moda. Dedita più al lavoro che alla famiglia, passa giornate intere nel suo ufficio-attico per lavorare, esaminare e sperimentare, ma soprattutto per fare la storia. Sì, perché se durante una premiere o la notte degli Oscar una celebrities, con il suo look studiato a puntino, farà colpo sulla stampa e sui fotografi di tutto il mondo lo deve certamente alla Zoe.

In sostanza, chi è questa Rachel Zoe?

Rachel Zoe Rosenzweig è nata a New York l’1 settembre del 1971. Dopo la laurea in psicologia e sociologia alla George Washington University, dove ha incontrato il suo futuro marito Rodger Berman, si è trasferita a New York per realizzare il suo grande sogno: lavorare nel mondo della moda.
Quel mondo fatto di lustrini, tessuti pregiati, cuciture perfette e tanto lusso, si rivela alla Zoe più difficile del previsto. La carriera di Rachel inizia come fashion assistant per la carta stampata con uno stipendio di 18 mila dollari annui.

«Lavoravo circa 20 ore al giorno, sette giorni su sette. Ero completamente ossessionata dalla moda e spendevo tutti i miei risparmi per volare a Parigi nel periodo delle sfilate di alta moda. Era il mio sogno. I designer erano i miei eroi e io ero la loro fan numero uno» ha raccontato la stylist.

Lavorava giorno e notte tutti i giorni, ma in quel periodo i suoi sacrifici non venivano ripagati. Lei sapeva di avere del potenziale da sfruttare, sapeva di essere abbastanza in gamba per potercela fare e per arrivare in alto, sapeva che quel mondo che aveva tanto sognato da bambina la stava aspettando. Così, verso la fine degli anni ’90, Rachel prese una decisione che cambiò nettamente la sua vita. Si mise in proprio e iniziò ad allacciare contatti con i personaggi del momento, quali Britney Spears e i Backstreet Boys, diventando la loro personal fashion stylist vestendoli direttamente dal suo monolocale di New York.

Non ci volle molto che il nome della Zoe iniziò a circolare tra le riviste di moda, ma soprattutto sempre più star la vollero come fashion stylist. I tempi del lavoro assiduo nel suo monolocale di New York sono finiti, oggi Rachel lavora in un attico ed è aiutata da una crew fedelissima e preparatissima. Vanta clienti dal calibro di Demi Moore, Cameron Diaz, Molly Sims, Eva Mendes, Nicole Richie, Anne Hathaway, Jennifer Lawrence, Miley Cyrus e molte altre celebs, e per ogni styling guadagna la bellezza di 10 mila dollari. Adorata dagli stilisti, Rachel Zoe è una leggenda, un idolo e modello da seguire per tutti gli appassionati di moda.

Il marito le rimprovera spesso la sua ossessione per lo shopping- Rachel ha un amore spropositato per Chanel ed Hérmes e si deve a lei il ritorno dello stile boho chic- tanto da aver confessato che una volta a causa delle folli spese della moglie aveva temuto di finire in bancarotta. Rodger e Rachel sono sposati dal 1996 e hanno due figli Skyler Morrison Berman (nato nel 2011) e Kaius Jagger Berman (nato nel 2013).


Da donna ambiziosa quale ella è non si è fermata al solo mestiere di fashion stylist, ma nel 2010 ha realizzato la sua linea di abbigliamento che sfila ogni anno durante la New York Fashion Week, mentre nel 2011 ha scritto il suo primo libro “Dalla A alla Zoe” dove dà consigli di stile. Inoltre le è stato dedicato un reality (The Rachel Zoe Project) che mette in luce tutte le mille sfaccettature del suo mestiere e che le ha dato notorietà anche oltreoceano.