La storia della camicia a quadri, dalla foresta ai look di tutti i giorni (FOTO)

Nelle vetrine, all’uscita di scuola, sulle passerelle oppure al pub la camicia da boscaiolo è uscita dalla foresta e ha conquistato la città diventando un capo da tutti i giorni.

Woolrich ideò la camicia di flanella nel 1850 per i lavoratori della Pennsylvania che subito se ne innamorarono perché era allo stesso tempo calda e comoda.


Se oggi a contraddistinguere gli eroi sono le tute bioniche in stile Iron Man, nel 1916 fu proprio la camicia a quadri il simbolo di uno dei più grandi paladini americani. Lo scrittore William B. Laughead raccontò la leggenda della genesi del Gran Canyon. Paul Bunyan, un gigante falegname, aveva creato diversi scavi nel terreno per lasciare le tracce del proprio passaggio, così si era formata la Grande Vallata. In una delle sue avventure aveva aperto un abbeveratoio per il suo compagno di avventure, un toro blu, e da lì aveva iniziato a sgorgare il Missisipi. Si difendeva con la sua accetta, non di certo con una mitica spada, non poteva quindi avere l’armatura di Achille come uniforme. Vestito a quadri blu e rossi diventò il simbolo della tradizione americana.

Scattò la moda. Walt Disney influenzato dal successo di questo racconto nel 1958 realizzò un cartone animato. Il fenomeno diventò subito virale: tutti i giovani “dovevano” avere una camicia da taglialegna.

Marilyn Monroe “prende in prestito” questo capo ai ragazzini e lo rende un must per tutte le donne. Sono gli anni delle rivendicazioni sociali, le pin up reinventano l’idea del camicione tartan e lo portano legato sopra l’ombelico con pantaloncini a vita altissima.

Sempre tra ideologie controcorrente arriva al culmine la moda della camicia di flanella.
Gli anni Ottanta e Novanta sono segnati dallo stile Grunge. Infatti sarà proprio Kurt Cobain a rendere immortale questo capo indossandolo alla maggior parte dei suoi concerti. Non esistevano regole o schemi, la si indossava allacciata, aperta con t-shirt bianche o con stampe eccentriche.

Anche oggi la camicia da taglialegna è indossata in modo totalmente nuovo. Sono ormai lontani gli anni in cui lo stampa tartan contraddistingueva i reali scozzesi. Tuttavia è sempre una regina ad attualizzare questo capo. Si tratta di Lady Gaga, la regina del pop, che con il suo stile eccentrico decide di battezzare il camicione indossandolo come un vestito, con tacchi e gambe nude.
Camicia da taglialegna, dalla foresta a look di tutti i giorni
Dopo quasi duecento anni si ama ancora il look da boscaiolo per la sua comodità e per la sua fantasia. Cambiano i tempi, cambiano le mode ma la camicia di flanella resta.