Home News Carlo ed Ennio Capasa lasciano Costume National (FOTO)

Carlo ed Ennio Capasa lasciano Costume National (FOTO)

331
4
credit photo: vanityfair.it

Carlo Capasa ed Ennio Capasa fondatori della casa di moda italiana Costume National hanno annunciato oggi le loro dimissioni da tutte le cariche dell’azienda fondata proprio da loro nel 1986. Carlo, attuale presidente della Camera della Moda Italiana, era amministratore delegato, mentre Ennio direttore creativo. L’azienda è stata acquistata dalla holding giapponese Sequedge.

I fratelli Capasa hanno dichiarato: “È giunto il momento di accogliere nuove sfide. Sequedge, partner giapponese di Costume National dal 2009, ha acquisito l’azienda secondo un accordo che renderà noi liberi di perseguire sin da subito nuove collaborazioni in un vasto ambito internazionale, con emozioni contrastanti che concludiamo lo straordinario ciclo creativo di questa maison unica, con l’augurio che il futuro possa riservare al brand altrettanti successi. Quanto a noi continueremo a seguire la nostra passione in nuove iniziative creative“.

Inoltre Ennio stamattina in comunicato ha scritto: “Oggi annuncerò le mie dimissioni come socio e direttore creativo di Costume National, speravo che questo non sarebbe accaduto. Ho combattuto con passione. Le emozioni che provo in questo momento sono complesse e mi tornano in mente questi trenta anni straordinari, i notevoli incontri, i numerosi spettacoli e la sorprendente energia creativa che il mondo della moda ci dà tutti i giorni. Fin dall’inizio ho avuto una sola idea: per creare uno stile, per continuare ad evolvere non bisogna seguire la tendenza del momento“, ha continuato il designer, che ha lavorato da Yohji Yamamoto a Tokyo prima di tornare in Italia per creare l’azienda Costume National. “La gente dice che la moda è finita, che è fatta di marketing e di tante illusioni, ma non per me. Io sono e resterò con passione impegnata a realizzare la mia visione personale.

Vedi anche  La forza delle donne, quelle curvy (FOTO)
credit photo: ilpost.it
credit photo: ilpost.it