Home Eventi Milano Fashion Week: colore, pellicce, gipsy style e bon ton d’altri tempi...

Milano Fashion Week: colore, pellicce, gipsy style e bon ton d’altri tempi (FOTO)

328
0

Sfilate, eventi, anteprime: Milano ha finalmente aperto le porte alla Fashion Week autunno/inverno 2015/2016.

Dal oggi 25 febbraio e fino al 3 marzo
nella capitale fashion del made in Italy, seguiremo le più belle collezioni del prêt-à-porter per l’autunno-inverno 2015/2016 e le presentazioni degli eventi cult. Forme, tessuti e colori del prossimo inverno dettano legge, tendenze beauty e cappelli, must da copiare e accessori da sogno sono di casa qui alla #MFW15.

68 sono le sfilate in calendario spalmate nei sei giorni della manifestazione. Non mancano di certo le celebrities ad arricchire il parterre di ogni sfilata. Rumors affermano che arriverà anche Madonna la quale sarà tra le invitate della maison Versace il prossimo 27 febbraio. Armani, Gucci, Moschino, Alberta Ferretti, Cavalli, Prada, Trussardi, Missoni, Dolce & Gabbana e Fendi solo per citare alcune delle classiche case di moda in scena sul catwalk, insieme a tanti giovani talenti e vip special guest. Qui il calendario ufficiale della Milano Fashion Week AI 2015/2016.

Dopo la New York Fashion Week e quella di Londra, è tempo di guardare in casa e scoprire cosa ci riservano le maison che sfilano in quel di Milano. Oggi è stato il turno di Stella Jean, Gucci e Alberta Ferretti. Le collezioni dell’autunno/inverno prossimi lanciano già le prime tendenze: gipsy style dalle scollature profonde e trasparenze per Gucci, colore e richiami all’India per Stella Jean e romantic style per Alberta Ferretti, ma il leit- motif che accomuna le collezioni è “non passare inosservati”.

Stella Jean

Passaggio in India per Stella Jean, che per il prossimo inverno si è fatta ispirare dalle architetture dei palazzi dei maharaja e dalle feste dei popoli dell’Himalaya. Colori vivaci, stoffe pregiate e appariscenti, tagli netti e voluminosi: questi i tratti che contraddistinguono la collezione di Stella Jane.

I cappotti, grandi protagonisti, lunghissimi sono realizzati in tessuti maschili con ricami etnici, si portano con gonne plissè e le sneakers scintillanti, gonne a campana in tweed con applicazioni di pon pon colorati, pantaloni etnici abbinati a giacche pesanti in spinato. A dominare le fantasie, animalier e tartan, e i disegni geometrici, il tutto accompagnato da una musica che richiama la stagione calda, in perfetto accordo con i colori utilizzati. Gipsy glamour.

Gucci

La sfilata di Gucci era super attesa per il debutto Alessandro Michele, dopo l’addio della mitica Frida Giannini, ex braccio destro della stilista romana, è sceso in passerella per dimostrare a tutti il suo talento come director. La blusa color cipria abbinata ad gonna rossa longuette e leggermente svasata è l’outfit che ha aperto la sfilata, che è stato un’alternarsi di stili diversi, di colori caldi e freddi, con fantasie floreali qua e là.

Si passa dal mood maschile indossato da modelli androgini ai top velatissimi con leggeri accenni di pizzo con piccoli foulard annodati in fiocchetti deliziosi che regalano un’allure bon ton, fino alle mini skirt in pelle completamente plissettate. Cappotti, pellicce e grandi uccelli ricoperti di perline illuminano i long dress black caratterizzati da scollature profonde. Il filo conduttore è una moda leggeremnte decadente, volutamente trasandata, con richiami agli anni ’70. Innovativa.

Alberta Ferretti

La collezione Alberta Ferretti autunno/inverno 2015-2016 è stata all’insegna del bon ton, della leggerezza, della femminilità raffinata, richiamando tempi passati, sottolineando la bellezza di una donna perfettamente agghindata. Una collezione fatta di vestiti leggiadri ed eleganti, velati e ricamati perfettamente con ghirigori e decori floreali, abbinati a cuissardes meravigliosi in velluto. Il mood è lo stile vittoriano, con gonne con pannelli a contrasto, deliziosi cappottini bon ton, abiti in pizzo, pellicce colorate e abbinate sapientemente e con raffinatezza. Le maniche sono ampie per lo più a 3/4.

L’aspetto più interessante è l’uso del colore, il contrasto tra bianco e nero, tra il rosso fuoco e nero, l’uso del dorato e del color cammello, e del color marsala, color of the year secondo Pantone, che ha contraddistinto le mantelle. I tessuti scelti sono caldi, come il velluto o la lana utilizzata per le gonne lunghe a corolla. Incantevole.

credits photo: marie claire