Home Interviste Weave, i miei gioielli dalle forme geometriche (INTERVISTA)

Weave, i miei gioielli dalle forme geometriche (INTERVISTA)

397
0
Credit Photo: Lisa De Cecco

Lisa De Cecco ha 23 anni ed è di Udine.
Appassionata di moda e creativa nell’animo, ha dato vita ad una collezione di gioielli unica nel suo genere. Girocolli, orecchini e bracciali in ecopelle, dalle forme geometriche. Lisa si è raccontata in un’intervista esclusiva a Blog di Moda, lanciando un messaggio importante a tutti: “bisogna avere sempre un piano B nella vita, soprattutto oggi”, dice prima di raccontarmi la sua idea.

Ciao Lisa, raccontati ai nostri lettori. Di cosa ti occupi nella vita?

Sono una graphic designer, lavoro presso uno studio a Udine in cui trascorro le mie 8 ore davanti al computer. È un lavoro che amo, è la mia passione e ho studiato per questo. Quindi sono contenta. Ma volevo trovare qualcosa da fare al di là delle 8 ore lavorative, accendere ancora il pc arrivata a casa sarebbe stato stremante, anche per i miei occhi.

Così ho cercato di trovare qualcosa che mi permettesse di distaccarmi dal lavoro, ma senza rinunciare alla creatività. Aspetto fondamentale della mia vita. E così nasce Weave.

Così hai iniziato a dare vita alle tue creazioni. Perché proprio gli accessori?

Ho una grande passione per la moda e mi piacciono molto gli accessori, come immagino un po’ tutte le ragazze. Mi piace indossare anche oggetti particolari, in quanto a forme e materiali. E allora ho pensato: perché non posso essere io a crearli? Così ho iniziato ad illustrarli e subito dopo a crearli nel tempo libero.

Ci racconti come nasce una tua creazione?

Inizialmente le disegnavo a mano. Poi, avendo delle competenze di grafica, ho iniziato a creare delle illustrazioni utilizzando programmi specifici per dare vita ad oggetti dagli spessori giusti. Poi li stampo e li ritaglio a mano. Non uso dei taglierini automatici, faccio tutto con le miei mani.

Vedi anche  Pandora & Disney: i gioielli ispirati ai personaggi delle favole (FOTO)

Quindi si tratta di pezzi unici?

Ho fatto anche delle collezioni.
Posso riprodurre una collana tante volte quante voglio, ovviamente il bello delle creazioni fatte a mano è che ognuna avrà sempre un qualcosa di unico. Anche se riproporre un modello, o un colore, è abbastanza immediato.

Lavorando in ambito grafico alle volte ci sono dei campioni di stampe.
Mi è capitato, ad esempio, di ritagliare una collana da un pezzo di pvc avanzato da un cartellone pubblicitario. Ovviamente quello è un pezzo unico, non potrà mai essercene una uguale in quanto prevede delle fantasie che appartengono alla stampa. È anche un simpatico modo per riciclare materiali che altrimenti verrebbero buttati via.

Hai una pagina Facebook in cui mostri le tue creazioni, giusto?

Sì. Grazie alla pagina Facebook Weave riesco a raccogliere richieste da ogni parte d’Italia. È bello perché insieme a chi mi segue nascono anche nuove idee. L’altro giorno, ad esempio, una ragazza ha acquistato una collana e un bracciale e mi ha chiesto se avevo anche gli orecchini uguali. Li ho realizzati subito, ma in effetti io non ci avevo pensato.

Quanto tempo fa nasce Weave?

È nata tre mesi fa.
E sono davvero contenta perché sembra stia piacendo molto, anche Vogue Accessory ha dedicato un post ai miei gioielli ed è stata per me una grande soddisfazione. Fa sempre piacere vedere che le proprie creazioni siano apprezzate.

E pensare che tutto è iniziato per gioco. Creavo collane per me e poi indossandole ho visto che anche le mie amiche erano molto curiose. Oggi le creazioni Weave sono disponibili anche nei negozi 16metriquadri a Udine e Helix a Pordenone.

Vedi anche  Re-find, la collezione di borse ed accessori eco-sostenibili (INTERVISTA)

Ci lasci con qualche consiglio sul come indossarle?

Io le indosso un po’ con tutto.
Dal lupetto semplice, alla camicia di jeans, al vestito elegante e magari scollato. Sono gioielli molto versatili, si prestano a qualsiasi tipo di outfit. Inoltre essendo fatte in ecopelle, basta un colpo di ferro da stiro per farle tornare in ordine in un attimo.

Io le adoro tutte! Non vedo l’ora di conoscere la collezione primavera estate. Intanto grazie Lisa.

Sì, sto già pensando a qualcosa. A fare la differenza saranno proprio i colori, da quelli pastello a quelli fluo, ci saranno tante novità. Grazie a te.