Home Rubriche Le TOP cose che Le 10 curiosità su Roberto Cavalli

Le 10 curiosità su Roberto Cavalli

993
0

Roberto Cavalli, grande stilista italiano, ama molto condividere insieme ai follower istanti della sua vita tramite i vari social.
Grazie ai suoi scatti lo abbiamo visto in vacanza alle Maldive in compagnia del figlio Robert (che ha da poco compiuto 22 anni), al casinò, mentre allatta un cucciolo di tigre, nella sua casa a Firenze insieme a tutta la sua numerosa famiglia e in vari party in compagnia di alcune celebrità.

La vita dello stilista fiorentino appare dunque come un libro aperto per tutti i suoi seguaci, ma ci sono alcune cose che sicuramente non saprete su di lui.
Ecco dunque 10 curiosità interessanti su Roberto Cavalli.

1. Figlio d’arte

Roberto Cavalli proviene da una famiglia di artisti. Infatti il nonno Giuseppe Rossi fu una figura di spicco del movimento artistico macchiaiolo, esponendo alcune sue opere nella Galleria degli Uffizi di Firenze. Ereditata la passione per l’arte dal nonno, Roberto -dopo aver finito in ritardo le scuole medie (fu bocciato due volte a causa della balbuzia)- si iscrisse all’Istituto Statale d’Arte di Firenze specializzandosi in applicazioni tessili della pittura.

2. È stato il primo ad introdurre il patchwork in passerella

Agli inizi degli anni ’70, facendo uso di piccole pezze di pellame usate per i guanti, creò patchwork di materiali e colori differenti, ma principalmente in stampa animalier. Le sue creazioni riscossero molto successo, tant’è che Hermès e Pierre Cardin chiesero allo stilista di realizzarle per loro. Cavalli è stato il primo stilista ad aver introdotto questa antica tecnica all’interno del mondo della moda e ciò gli diede molta popolarità nel fashion system.

3. Ha aperto la sua prima boutique a Saint Tropez

Il suo stile moderno ed innovativo per gli anni ’70, anche se considerato da alcuni “volgare, venne apprezzato in scala internazionale, ciò gli permise di aprire nel 1972 a Saint Tropez la sua prima boutique.

4. Si è sposato due volte

Si sposa per la prima volta in giovane età con Silvana, da cui ha avuto due figli: Cristiana, che si occupa dei Cavalli club, e Tommaso che collabora insieme al padre al progetto Cavalli Vodka e al Cavalli Tenuta degli Dei, il marchio che si occupa della produzione e della distribuzione di vini.
Nel 1980 sposa in seconde nozze Eva Maria Düringer, ex Miss Austria, da cui ha avuto tre figli: Rachele, Daniele e Robert. Nonostante il divorzio della coppia, Eva è tuttora il braccio destro di Roberto nonché sua principale collaboratrice.

5. Non ama la moda americana

Come riportato da lui stesso nel 2008, lo stilista considera la moda americana «una farsa, uno scopiazzamento, ci siamo prostituiti ai loro voleri ma ora è tempo di finirla. Gli americani andrebbero ridimensionati. La loro moda? Non vale niente, bisognerebbe stroncarla». Riguardo ad Anna Wintour, direttrice di Vogue America, ha poi detto: «La Wintour? Me ne frego se non ce l’ho in prima fila: siamo forti, facciamo vedere chi siamo».

6. È stato il primo stilista italiano a realizzare una collaborazione con H&M

Nel 2007 Cavalli decise di collaborare con il brand low cost H&M alla realizzazione di una capsule collection, in modo che tutti i fan dello stilista potessero indossare una sua creazione. La capsule, pensata sia per la donna che per uomo, comprendeva 20 capi tra abiti, accessori ed intimo.

7. È stato attivo anche in tv

Dopo aver interpretato se stesso in una puntata della serie televisiva Ugly Betty, lo stilista fiorentino ha partecipato come giudice speciale in una puntata del talent show americano Project Runway condotto da Heidi Klum.

8. Amico degli stilisti, o forse no

Lo stilista ha ammesso di avere dei buoni rapporti con i suoi colleghi stilisti eccetto con Dolce & Gabbana con cui, a detta di Cavalli, «non c’è verso di strappare un saluto».

9. Ama la fotografia, gli animali e la natura

Durante i suoi viaggi, Roberto Cavalli ama fotografare i paesaggi dei luoghi visitati e gli animali esotici. Alcuni di questi, come i pavoni, i leopardi, le tigri etc, fanno da grande ispirazione per lo stilista che riporta i colori e le fantasie dei loro manti sulle sue collezioni.

10. Ha definito Karl Lagerfeld “ridicolo”

In un’intervista pubblicata dalla rivista The Hunger’s Magazine, Roberto Cavalli si è scagliato contro Karl Lagerfeld definendo il suo stile “ridicolo” per la sua età.