Home Celebrities Gli abiti storici di Renata Tebaldi in vetrina da Dolce&Gabbana (FOTO)

Gli abiti storici di Renata Tebaldi in vetrina da Dolce&Gabbana (FOTO)

416
0
credit photo: marieclaire.it

Dal 7 dicembre Renata Tebaldi verrà omaggiata nelle vetrine di Dolce&Gabbana in via della Spiga a Milano, fino al 15 novembre 2016. I due stilisti, uno milanese e l’altro siciliano, ancora una volta dimostrano di essere legati all’arte e alla cultura italiana. Già lo scorso gennaio 2015 i due hanno fatto sfilare la loro collezione di Alta Moda con un modello insolito, il ballerino italiano Roberto Bolle, nel foyer del Teatro alla Scala di Milano.

Adesso Domenico Dolce e Stefano Gabbana ritornano a celebrare la cultura italiana in occasione della prima alla Scala del 7 dicembre. Questa volta però non in passerella ma direttamente in vetrina. Fino al 15 novembre le vetrine dello store di Dolce&Gabbana ospiteranno gli abiti storici, i costumi di scena ed anche gli abiti della vita privata di una delle più famose e amate cantanti liriche di tutti i tempi, Renata Tebaldi, soprano di origine italiana.

credit photo: www.sinfinimusic.com
credit photo: www.sinfinimusic.com

Venne considerata una delle cantanti liriche più amate di sempre e soprattutto acclamata come interprete di Verdi e di Puccini. La sua voce aveva un timbro cristallino, morbida, opulenta e vellutata. Non a caso è stato infatti coniato il termine “velluto della Tebaldi“. Ebbe un successo internazionale e la sua carriera durò oltre trent’anni. I suoi vestiti sono stati donati dal Museo Renata Tebaldi, abiti utilizzati per interpretare La Tosca, Giovanna d’Arco e moltissime altre opere. In mostra ci sono inoltre anche oggetti originali delle scenografie di opere storiche, realizzate direttamente al Teatro alla Scala ed immagini che la ritraggono in scena o durante la sua vita quotidiana.

Sicuramente una mostra che vale la pena di essere vista, che vede ancora una volta unito il connubio indissolubile di arte e moda, due mondi che non finiranno mai di influenzarsi a vicenda.